Pista ciclabile della Riviera Ligure: da Imperia a Bussana Mare




La pista ciclabile della Riviera Ligure

Scoprire la Riviera

Pista ciclabile della Riviera Ligure: da Imperia a Bussana Mare




Maggio 09, 2021

Le giornate si scaldano sempre di più in Liguria, e questo ci fa venir voglia di fare un po’ di sport all’aria aperta. Anche i nostri appartamenti sono ormai pronti ad accogliere i primi turisti della primavera. Tutto sembra comunicarci che è tempo di muoverci alla scoperta del territorio. Questa volta, però, in sella ad una bicicletta!

Decidiamo quindi di percorrere la pista ciclabile della Riviera Ligure – la via per le bici e pedoni che arriva fino a Sanremo – partendo da Imperia fino a Bussana Mare (conosciuta anche come Bussana Nuova).

Cartello che indica la pista ciclabile

La pista ciclabile di Sanremo: partenza

A partire dal 2008 è possibile percorrere la pista ciclabile lungo la Riviera dei Fiori in seguito al parziale adeguamento dei binari della vecchia linea ferroviaria. Il lavoro sarà completo quando si arriverà ad una pista ciclabile a doppio senso dalla lunghezza totale di 60 chilometri! Attualmente sono stati realizzati “solo” 24 chilometri, che uniscono 8 comuni, da San Lorenzo al Mare a Ospedaletti.

Il nostro viaggio inizia a Imperia Oneglia, al termine dell’Incompiuta. Da qui ci dirigiamo verso Porto Maurizio, zona Prino, dove sono in corso i lavori per unire questo tratto con la pista ciclabile.

La futura pista ciclabile a Imperia, zona Prino

 

Leggi anche  -  Un giro per Imperia e dintorni

 

Da San Lorenzo al Mare a Costarainera

A San Lorenzo ci accoglie un’atmosfera rilassante. La luce tiepida della primavera ci consente di scorgere una varietà di colori e profumi incredibili. Il percorso si rivela semplice e possiamo pedalare con tranquillità, godendoci il panorama intorno.

Ci troviamo nella pista ciclabile che attraversa San Lorenzo al Mare. Il tempo è mite e ci consente di goderci la pedalata in tranquillità, ammirando allo stesso tempo il paesaggio circostante.

La vecchia stazione a San Lorenzo

Ci troviamo subito di fronte all’ex stazione del treno, per proseguire per un tratto di circa un chilometro lungo una galleria, che conduce a Costarainera. Prima di questa galleria, però, si trova il collegamento con il Parco del Benessere intitolato a Giacomo Filippo Novaro, dove ci fermiamo a curiosare un po' e a fare qualche fotografia. Al termine della galleria arriviamo a Costarainera, dove ci attende un’area con panchine sul mare: un incanto!

Dettaglio del Parco del benessere a San Lorenzo al Mare

Da Santo Stefano al Mare a Riva Ligure

A questo punto proseguiamo ancora il nostro percorso in sella alla bicicletta. Pedaliamo in direzione Santo Stefano, la terza tappa della pista ciclabile della Riviera Ligure. Questo tratto ci entusiasma perché ci addentriamo all’interno del paese, con alcuni punti in prossimità del mare, dove possiamo ammirare le antiche case dei pescatori. Continuando ci troviamo nel porto turistico di Marina degli Aregai, uno dei più importanti nel Ponente Ligure, i cui scorci hanno letteralmente catturato il nostro cuore.

Il porto turistico di Marina degli Aregai

Resteremmo qui ad ammirare il paesaggio a lungo, ma dobbiamo proseguire ancora il nostro viaggio verso Riva Ligure. Questa si rivela essere uno dei gioielli della nostra Riviera, con le sue stradine che conducono al paese. La pista ciclabile qui divide il centro del paese dalle zone più distanti, consentendo diverse soste sul lungomare o presso luoghi di interesse storico, come il Santuario della Madonna del Buon Consiglio.

Facciata del santuario di Nostra Signora del Buon Consiglio

Da Arma di Taggia a Bussana Nuova

Ci spostiamo poi verso Arma di Taggia, dove il percorso si sviluppa lungo un rettilineo parallelo alla via Aurelia. Facciamo quindi una sosta al Parco archeologico di Capo Don – Costa Balenae, dove troviamo i resti di un complesso ecclesiastico di età paleocristiana e altomedievale, un’area cimiteriale dello stesso periodo e le tracce di un’antica mansio di epoca imperiale romana.

 

Leggi anche -  Il Lucus Bormani e il suo legame con Diano Marina

 

Ci troviamo davanti al sito archeologico di Capo Don – Costa Balenae, dove possiamo ammirare, sebbene chiuso, le tracce di insediamenti di età diverse, dall’epoca romana imperiale, fino a quella altomedievale.

Pedaliamo poi verso i campi, dove la pista ciclabile si stacca dalla strada principale per arrivare alla foce del torrente Argentina, da cui è possibile ammirare la valle di Triora.

La foce del torrente Argentina

Il percorso prosegue nel centro del paese, come via di comunicazione interna, forse per incentivare una viabilità sostenibile in un’ottica futura, anche se la vista del paesaggio, purtroppo, ne risente.

La pista ciclabile ad Arma di Taggia

 

Leggi anche  -  Alla scoperta della Valle Argentina, da Triora a Rialdo

 

Lasciata Arma di Taggia, il nostro viaggio lungo la pista ciclabile della Riviera dei Fiori ci conduce a Bussana Nuova, una frazione del comune di Sanremo. Da qui non possiamo non fermarci per scattare qualche foto e osservare la valle in cui si distingue l’antico borgo di Bussana Vecchia, visibile dalla pista ciclabile. Oltre un ponte osserviamo anche il Santuario del Sacro Cuore di Gesù, ricostruito dopo il terribile terremoto del 1887.

La vista di Bussana Nuova dalla ciclabile

Il paesaggio incontrato a Marina degli Aregai, come abbiamo accennato prima, ci aveva stregati, e allora decidiamo di tornare indietro per trattenerci ancora qualche minuto, e goderci finalmente il mare infuocato al tramonto, celebrando questa magnifica giornata alla scoperta della pista ciclabile della Riviera Ligure!

Marina degli Aregai al tramonto

 

Ascolta tutti i podcast pubblicati sui nostri canali ufficiali:

Bajardo: il borgo antico tra storia e leggenda

25

Ottobre

Bajardo: il borgo antico tra storia e leggenda

Conosci il borgo di Bajardo? In questo articolo scoprirai i segreti di un villaggio antico, tra stor ...
La sarchiatura: la lavorazione del terreno dei carciofi

06

Ottobre

La sarchiatura: la lavorazione del terreno dei carciofi

Conosci la sarchiatura? Scopri come lavoriamo il terreno per migliorare la crescita dei nostri carci ...
Il consorzio di tutela basilico genovese dop in agriturismo

01

Ottobre

Il consorzio di tutela basilico genovese dop in agriturismo

L’agenzia che cura la comunicazione del consorzio di tutela del basilico genovese Dop ci ha fatto vi ...

Contattaci




Informazioni

Inserisci i dati per contattarci

Contattaci

ACCETTO TERMINI E CONDIZIONI DELLA Privacy Policy
* i campi sono obbligatori