I dintorni di Diano Marina in motorino




Vista sul Golfo Dianese

Scoprire la Riviera

I dintorni di Diano Marina in motorino




Luglio 11, 2020

Il territorio di Diano Marina può offrire continue sorprese anche a chi ci abita. La storia e le bellezze paesaggistiche del Golfo Dianese fanno parte del nostro quotidiano, ma spesso le trascuriamo perché distratti o impegnati a occuparci di altro. E invece basterebbe mettere da parte le abitudini e riscoprire un ritmo lento, per guardare con occhi nuovi ciò che ci sta di fronte. Un giro in motorino senza una meta apparente potrebbe essere l’occasione perfetta per praticare un turismo di prossimità, a poca distanza da casa ma con lo spirito pronto ad accogliere le bellezze che ci propone la nostra regione!

Vista privilegiata sul Golfo Dianese

L’ostello dei pellegrini a Diano Calderina

Siamo a fine giugno, in uno di quei pomeriggi in cui il vento soffia via le ultime nuvole di pioggia per fare posto ai profumi dell’estate. Partiamo dall’agriturismo e attraversiamo le strade di Diano Marina. Ci sono poche persone in giro: i turisti sono in spiaggia, mentre i dianesi preferiscono riposare ancora un po’, prima di tornare al lavoro.

Alla chiesa di San Giacomo

Prendiamo la strada verso Diano Calderina con l’intenzione di scoprire quella struttura destinata ai pellegrini che percorrono la Via della costa e di cui vi abbiamo parlato nell’articolo dedicato alle frazioni di Diano Marina. Lasciamo il motorino e dopo pochi metri siamo di fronte alla chiesa di San Giacomo e all’ostello. Facciamo due chiacchiere con il parroco, il quale ci racconta della struttura, ci mostra le sale interne, arredate con tanti oggetti curiosi e il necessario per offrire un po’ di ristoro ai viaggiatori. Ne approfittiamo per scattare qualche foto e curiosare tra le stanze cariche di storie. Ci piacerebbe sentire i racconti di tutte le persone che si sono imbattute in quel luogo, ma che riusciamo comunque a immaginare.

Cappelli in una stanza dell’ostello

Verso la torre saracena

Sappiamo che a poca distanza dalla pensione, immersa tra gli ulivi, si trova un’antica torre di avvistamento. Vogliamo visitarla! Saliamo quindi fino all’ingresso del cimitero di Diano Calderina e seguiamo il sentiero che scende tra gli ulivi e i muretti a secco. Dopo pochi minuti, eccola: è proprio lei, la torre che cercavamo! Ne approfittiamo per riposarci un po’ e dedicarle un intero book fotografico.

La torre di avvistamento a Diano Calderina

Proseguiamo quindi il nostro percorso in motorino finché non troviamo il cartello di Diano Serreta; dopo circa dieci metri, sulla destra, vediamo una stradina in salita che si dirige verso il cimitero. A questo punto scorgiamo un sentiero tra le fasce che si snoda lungo una mulattiera e che conduce fino a Diano Marina: decidiamo di percorrerne un pezzo.

Una mulattiera tra le fasce a Diano Serreta

Dopo qualche minuto, lasciamo questa strada torniamo verso il motorino parcheggiato poco distante. Le nostre scarpe da città, in effetti, non sono adatte per una camminata tra ulivi e mulattiere! Che fare ora? Decidiamo di proseguire la nostra “avventura” senza una vera meta e dopo circa cinque minuti arriviamo in zona Gorleri. Qui un cartello attira la nostra attenzione: indica una via verso un belvedere su tutto il Golfo Dianese. Incuriositi, ci dirigiamo verso la destinazione, ma dobbiamo fare attenzione a un placido gruppo di gatti che ci attraversa la strada. In effetti, poco prima un cartello segnalava il “pericolo” di cat crossing!

Il cartello che segnala la presenza di gatti

La torre dell’Alpicella

Continuiamo il nostro viaggio ma sbagliamo strada, superando il sentiero che conduce ai resti della torre dell’Alpicella. Questo inconveniente ci permette, però, di capitare in un posto bellissimo, dove possiamo ammirare il paesaggio che comprende il territorio dianese sulla costa da un lato e i monti dall’altro. Tutto intorno la natura è in festa. Davanti ai nostri occhi si distendono fasce terrazzate e ginestre in fiore. Torniamo indietro e dopo aver avvistato il cartello con l’indicazione per la torre, procediamo a piedi verso la costruzione.

Torre dell'Alpicella, Diano Gorleri.

Siamo ora in località Colle San Leonardo, sempre nella frazione di Diano Gorleri. Qui, quasi al confine con Imperia, troviamo finalmente la torre dell’Alpicella. Quasi del tutto nascosta dalle piante e in stato di semiabbandono la struttura mantiene, però, quell’aria imponente che immaginiamo dovesse avere un tempo questa costruzione militare. Facciamo qualche foto e ci godiamo il silenzio che domina sul promontorio. Da quassù si gode di una vista davvero privilegiata!

Il panorama che si può godere dalla torre

Si torna a casa

Decidiamo di prendere una strada nuova per tornare a casa e scendiamo tra le campagne e gli orti coltivati che ci conducono all’inizio di Capo Berta, poco prima di Diano Marina.

Siamo a casa. Nel giro di un paio d’ore abbiamo goduto della vista dei paesaggi che la natura ligure ci offre gratuitamente e a poca distanza; abbiamo giocato a indossare le vesti di pellegrini in cerca di ristoro, visitato antiche torri di avvistamento e fatto la conoscenza di alcuni simpatici gatti. La spesa è stata minima, ma ci siamo sentiti comunque privilegiati.

Far parte di un territorio così ricco di storia è impagabile, e ogni giorno non possiamo che rinnovare la nostra gratitudine per questo!

Ascolta tutti i podcast pubblicati sul nostro canale ufficiale

La coltivazione delle melanzane in pieno campo

28

Settembre

La coltivazione delle melanzane in pieno campo

Nella nostra azienda agricola coltiviamo la melanzana tonda genovese e la melanzana tonda bianca. Pr ...
Il Lucus Bormani e il suo legame con Diano Marina

24

Settembre

Il Lucus Bormani e il suo legame con Diano Marina

Avete mai sentito parlare del Lucus Bormani? Si tratta di un antico bosco dedicato al dio Borman. Sc ...
Aromatica 2020 a Diano Marina: tra gli stand dei profumi liguri

22

Settembre

Aromatica 2020 a Diano Marina: tra gli stand dei profumi liguri

Siamo stati ad Aromatica 2020 a Diano Marina. Il nostro colore preferito, il verde, dominava su tutt ...

Contattaci




Informazioni

Inserisci i dati per contattarci

Contattaci

ACCETTO TERMINI E CONDIZIONI DELLA Privacy Policy
* i campi sono obbligatori