Escursione verso la chiesa di San Matteo a Pairola




Dettaglio della chiesa campestre di San Matteo a Pairola

Itinerari & Trekking

Escursione verso la chiesa di San Matteo a Pairola




Febbraio 27, 2021

L’escursione di oggi ci porterà a dieci minuti dagli appartamenti del nostro agriturismo, verso la chiesa di San Matteo a Pairola. Sarà un’occasione per conoscere nuovi percorsi da cui ammirare scorci poco frequentati dal turismo di massa.

Come sapete, ci piace offrirvi sguardi inediti sulla nostra amata Liguria di Ponente, da cui trarre non semplici cartoline di viaggio, ma vivide esperienze da ricordare. Iniziamo!

Vista dell’abitato di Pairola

Inizio del percorso

Ci troviamo nel parcheggio della chiesa di San Bartolomeo al Mare e dell’Oratorio di San Michele Arcangelo. Da qui attraversiamo Piazza G. Verdi e via Cà de Conti fino a giungere all’inizio di via Viali, la strada che ci condurrà fuori dal comune di San Bartolomeo al Mare.

Indicazione per via Viali

Troviamo un tratto asfaltato che, man mano che ci allontaniamo dalle case, si trasforma in una strada sterrata. Costeggiamo orti recintati e passiamo sotto i ponti dell’Autostrada dei Fiori, in prossimità di un’edicola votiva.

Incrocio tra via Viali e via Pairola

Proseguiamo ancora per via Viali finché non arriviamo alla fine della strada, quasi all’incrocio della provinciale SP34 (via Pairola).

Tratto asfaltato verso Pairola

Saliamo su questa via che conduce verso la frazione di Pairola, fino a incontrare, sulla sinistra, un parco giochi.

Parco giochi a Pairola

Verso Pairola

Approfittiamo di una panchina per riposarci un po’. Dopo qualche minuto, riprendiamo il nostro percorso ed entriamo a Pairola, ritrovandoci proprio davanti alla chiesa parrocchiale della Madonna della Neve.

Chiesa parrocchiale di Pairola

Qui troviamo un cartello molto utile che ci illustra il nostro percorso. Ci dirigiamo a destra dell’ingresso della chiesa, dove troviamo un vicolo stretto, via Garibaldi, che si addentra nel paese. Camminando tra case e giardini, giungiamo a una salita sconnessa culminante nella Salita Ciosa, la parte più alta del paese.

Vicolo che conduce alla parte alta di Pairola

Questa stradina si connette poi a via Costa, percorrendo tutta la parte superiore del paese, da cui si ammira il campanile della chiesa. Proseguiamo dunque lungo questa strada fino a raggiungere l’incrocio con via Garibaldi, già incontrata in precedenza. Dopo poche decine di metri imbocchiamo via degli Alpini, che costeggia il lato orientale di Pairola e si apre lungo tutto il versante della Val Steria.

Il sentiero lungo via degli Alpini a Pairola

 

Leggi anche  -  Villa Faraldi, antico comune dell’entroterra

 

La chiesa di San Matteo

Anche qui, dopo un primo tratto asfaltato, vediamo la strada trasformarsi in un sentiero di campagna, scendere verso il basso e raggiungere una strada pietrosa, simile a un’antica mulattiera.

Una mulattiera lungo il sentiero di via degli Alpini

Un’umile croce in legno e un pilone votivo con tracce di antichi affreschi si stagliano lungo il nostro percorso, a segnare forse un ex-voto, o a indicarci, semplicemente, che oltre la discesa ripida, sulla destra, si trova la nostra destinazione.

Pilone votivo a Pairola

Dopo pochi metri, infatti, la vista tra gli uliveti si apre e scorgiamo in lontananza, finalmente, la chiesa campestre di San Matteo. Ancora poche curve e ci ritroviamo ad attraversare un vecchio ponte di origine romana, ma le cui evidenze attuali risalgono all’età medievale.

Il ponte antico nei sentieri di Pairola

Nei pressi del torrente, invece, notiamo la presenza di antiche vasche per la raccolta dell’acqua. Il paesaggio che incontriamo lungo la strada per la chiesa di San Matteo, tra fasce e ulivi taggiaschi, è davvero rigoglioso.

La chiesa campestre di San Matteo a Pairola

Giunti finalmente alla nostra meta, uno degli edifici religiosi più caratteristici di tutta la Val Steria, ci riposiamo su una delle panchine vicine. Solo dopo aver goduto a pieno di questa atmosfera incantata, decidiamo di tornare indietro ripercorrendo la strada già fatta.

Un’altra possibilità sarebbe quella di prendere la strada provinciale 34 che da fondo vallata conduce a Villa Faraldi e le sue frazioni. Un’idea per la prossima volta!

Video che mostra il torrente che scorre sotto l’antico ponte medievale e il paesaggio lungo i sentieri della frazione di Pairola, tra fasce e uliveti

Indicazioni utili

Durata escursione: 2 h circa

Lunghezza percorso: 8 km circa

Abbigliamento: dipende dalla stagione, ma sicuramente comodo e non pesante; scarpe da trekking

Difficoltà: minima, con poche e brevi salite

 

Ascolta tutti i podcast pubblicati sui nostri canali ufficiali:

Escursione per le mulattiere di Diano Castello

15

Aprile

Escursione per le mulattiere di Diano Castello

Seguiteci in una piacevole escursione per le mulattiere di Diano Castello e Diano San Pietro!
Castelvecchio di Rocca Barbena: uno dei borghi più belli d’Italia

31

Marzo

Castelvecchio di Rocca Barbena: uno dei borghi più belli d’Italia

Tra i borghi più belli d’Italia compare anche Castelvecchio di Rocca Barbena. Ecco i motivi per cui ...
Salto nel blu: un tuffo nel Golfo Dianese

23

Marzo

Salto nel blu: un tuffo nel Golfo Dianese

Conoscete il Salto nel blu? Un trampolino di lancio compreso all’interno di un circuito MTB di estre ...

Contattaci




Informazioni

Inserisci i dati per contattarci

Contattaci

ACCETTO TERMINI E CONDIZIONI DELLA Privacy Policy
* i campi sono obbligatori